venerdì 13 febbraio 2015

Quante donne si prostituiscono? Ce lo spiega Lina Merlin!

Il tema della prostituzione è sempre d'attualità. Qualche giorno fa ho letto un articolo sul tema. Non vi dico chi lo ha scritto e quando lo ha scritto perchè mi sono rotto i coglioni di vedere giornalisti di questo o di quel quotidiano che utilizzano il materiale che pubblico senza nemmeno citare chi lo ha reso pubblico. In questo articolo viene citata una riflessione della senatrice socialista Lina Merlin sulla percentuale delle donne che si prostituisce. Leggete cosa ha detto.

Linda Lanzillotta e il simbolo sparito

Questa fuga di massa da Scelta civica mi ha sorpreso molto. Dopo aver fatto un tour nei siti dei politici che hanno fatto questa "scelta" sono andato più volte a vedere come hanno cambiato la grafica dei loro siti. A distanza di qualche giorno dall'abbandono di Linda Lanzillotta ho notato con piacere che è sparito il simbolo del partito che ha lasciato, ma non è apparso quello del Pd. In fondo Linda Lanzillotta aveva diritto più degli altri di metterlo visto che nel Pd c'era anche stata come Irene Tinagli o il giuslavorista Pietro Ichino. In fondo si tratta del partito nel quale oggi Linda Lanzillotta crede. E sarebbe un peccato non farlo vedere.

sabato 7 febbraio 2015

Scelta civica: cosa avevano detto quando Monti lasciò il partito?



"Le dimissioni del Presidente Monti sono motivo di profondo rammarico e ci auguriamo non irreversibili". Lo dichiara la senatrice di Scelta Civica, Stefania Giannini. "A noi parlamentari spetta il compito di tenere dritto il timone su quei valori fondanti di rigore, serieta', competenza e coerenza, sulla cui base, non dimentichiamolo, tre milioni di elettori ci hanno dato la loro fiducia e che Scelta Civica ha irreversibilmente portato nella politica italiana. Sono certa che riusciremo a dimostrare che il nostro progetto politico, di cui Mario Monti resta l'indiscusso punto di riferimento fuori e dentro il Parlamento italiano e nelle sedi internazionali - conclude Giannini - e' l'unica chance di cambiamento del Paese".

"Rimarro' in Scelta Civica per onorare l'impegno che ho assunto con gli elettori". Queste le parole di Pietro Ichino, senatore Sc, stamani in onda su Radio Citta' Futura. "Martedi' prossimo - ha annunciato - abbiamo convocato un'assemblea per discutere del nuovo leader. Certamente, non sara' una persona che abbia una qualche propensione a fondersi col partito di Berlusconi". 
 
 ''In politica la categoria del tradimento non esiste. Esistono semmai quelle della coerenza verso gli elettori e della lealta' nei confronti delle persone con cui si e'  condiviso un progetto. Quanto alla prima abbiamo preso piu' di 3 milioni di voti per creare un partito che fosse popolare e liberaldemocratico, radicalmente riformatore, legato all'Europa. E in nome di questo, promuovere una colazione di cui Scelta civica fosse il lievito riformatore. Per questo abbiamo sostenuto e sosterremo il governo Letta. Non abbiamo preso i voti per dar vita a un partito cattolico e far parte di un centrodestra ancora guidato da Berlusconi''. E' quanto afferma in un'intervista a La Stampa, Linda Lanzillotta vice  presidente del Senato e tra i fondatori di Scelta Civica. ''Spero che il gesto forte di Monti - spiega - possa dare la scossa per fare chiarezza e tornare ai nostri fondamentali smarriti''..''Mauro non lo avevo mai incontrato prima - annota Lanzillotta - ma certo di slalom, da quando l'ho conosciuto, ne ha fatti parecchi. Di Casini ho apprezzato il coraggio di restare fuori dal Pdl e battersi contro il bipolarismo. E stato il piu' convinto sostenitore del governo Monti, ma oggi non condivido il suo tentativo di resuscitare l'Udc ai danni di Scelta civica''. ''Non so - conclude Lanzillotta - se e' in atto il tentativo di dar corpo a una nuova Democrazia cristiana: ma se la vecchia vedessela nuova si rivolterebbe nella tomba''.

La scelta di Irene: da candidata alla segreteria di Scelta Civica a parlamentare del Pd

Lo stesso discorso che ho fatto nel post su Linda Lanzillotta vale anche per Irene Tinagli. Anche l'economista non si preoccupa molto di avvisare i suoi sostenitori della svolta renziana e del suo ritorno nel Partito democratico. Una scelta senza dubbio meditata. Anche se fino a due mesi fa la Tinagli ambiva a diventare leader di Scelta Civica. Ma, a quanto pare, la missione non è andata in porto. Da non dimenticare la citazione di Obama sul cambiamento in politica.

La partenza di 8 parlamentari di Scelta civica e l'aggiornamento dei siti


Anche se i parlamentari di Scelta civica hanno meditato bene la decisione di uscire dal partito fondato da Mario Monti, il sito degli orfani di Monti non ha ancora preso una decisione in merito. Infatti, chi andrà questa mattina a fare un giro su www.sceltacivica.it troverà ancora i parlamentari che hanno lasciato il partito al loro posto. Almeno sul sito. Neanche Linda Lanzillotta si è posta il problema per il suo sito. Infatti, nella pagina web della senatrice, questa mattina resta ancora il logo del partito fondato e abbandonato da Monti. Ah, dimenticavo. Notate all'ottava riga della prima foto l'errore: "Alto funionariato".